I PARASSITI – BREVE VADEMECUM

dog-1559746_1280Molte sono le famiglie che ormai condividono la propria vita con un cane e l’arrivo della bella stagione coincide con la voglia ritrovata di fare lunghe passeggiate all’aria aperta, magari in un bel bosco o in riva ad un lago. Condividere momenti di gioco e possibilità di fare esercizio migliora il legame che si instaura con il nostro “amico peloso”, migliora l’umore e dà benefici al fisico.

Non dobbiamo dimenticare, però, che con la primavera tornano anche mole insidie che possono infestare i nostri beniamini. Cerchiamo di analizzare in breve i parassiti più comuni e di conseguenza le patologie che possono trasmettere:

 

pulciPulci: parassiti esterni ematofagi, cioè che si nutrono di sangue, visibili a occhio nudo e presenti tutto l’anno, ma che aumentano purtroppo di numero con l’arrivo della bella stagione.

La pulce adulta infesta il cane, mentre le forme larvali e le uova si trovano principalmente nell’ambiente. L’infestazione da pulci è caratterizzata da prurito e, nei soggetti allergici, basta la puntura di un singolo esemplare per dare origine a dermatiti molto fastidiose. I nostri amici possono contrarre un’infestazione da D. caninum (volgarmente detta tenia) se ingeriscono una pulce adulta infetta.

Da sottolineare che le pulci prediligono i cani, ma possono colpire anche l’uomo o annidarsi nelle case, se trascurate. Debellare questi antipatici parassiti è possibile, ma la strada migliore rimane sempre la prevenzione.

zeccheZecche: parassiti esterni ematofagi ben visibili e presenti a temperature miti e calde.

Difficilmente le zecche passano inosservate ed è un bene in quanto possono trasmettere malattie molto serie, tra cui la piroplasmosi (B. canis) che, se non diagnosticata in tempo, può portare a morte l’animale con una sintomatologia caratteristica: febbre molto alta e urine di colore molto scuro. Questo è uno dei motivi per cui, se si nota un arrossamento che si ingrandisce giorno dopo giorno, è importante portare immediatamente il cane dal veterinario.

 

 

downloadZanzare: parassiti esterni che conosciamo tutti molto bene, soprattutto nel periodo estivo e al tramonto. Nel cane possono trasmettere la filariosi cardio-polmonare, una malattia oggi per fortuna meno frequente, grazie alla profilassi che molti cani ormai fanno regolarmente.

Le macrofilarie sono parassiti che provocano un danno cardiaco molto serio, persistente anche dopo l’eliminazione dei parassiti stessi.

 

Flebotomi: parassiti esterni simili alle zanzare, ma più piccoli e silenziosi, prima erano presenti solamente sulle coste. Da qualche anno però i pappataci (termine comune dei flebotomi) si trovano anche nell’entroterra, dal nord al sud.

Sono attivi soprattutto nei mesi estivi e nel tardo pomeriggio e possono trasmettere la Leishmaniosi, una malattia dalle molte variabili, per la quale, una volta contratta, esistono solamente terapie di controllo e supporto.

Per fortuna per prevenire ed in molti casi, se le profilassi vengono messe in atto in modo adeguato, scongiurare tutte queste patologie, in commercio esistono diversi metodi che comprendono fiale, compresse, collari, vaccini e spray.

Il vostro veterinario saprà consigliarvi in base al tipo di vita che conducete insieme al vostro amico, vi informerà al meglio sui vari prodotti disponibili tenendo conto anche della taglia, dell’età e della razza del vostro cane.

Non dimentichiamoci mai di prevenire i problemi e di prenderci cura del nostro più fedele amico!

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

cane che legge

Non perdere le prossime novità

del mondo DELA by De Wan

Riceverai subito un regalo!

Grazie per l'iscrizione alla Newsletter di DELA by De WAn